I capperi: caratteristiche, come usarli in cucina e come coltivarli

capperi

I capperi sono i boccioli di Capparis spinosa, piccolo arbusto legnoso delle regioni mediterranee.
I capperi quindi non sono frutti ma fiori o meglio fiori ancora schiusi. Si presentano di piccole dimensioni (massimo 1,5 cm di lunghezza), di colore verde (a volte sche sfuma sul rosso) e di forma sferica lievemente appuntita.

Capperi: caratteristiche

I capperi hanno un basso valore energetico (derivante quasi esclusivamente dai carboidrati complessi) in quanto i lipidi e le proteine sono quasi assenti e di basso valore biologico. Assente il colesterolo mentre alto è il contenuto di fibre alimentari.

In particolare i capperi hanno:

Acqua
Proteine
Lipidi
Carboidrati
Alcol etilico
Fibra alimentare
Sali minerali: Sodio, Potassio, Ferro, Calcio, Fosforo
Vitamine: Vitamina A, Vitamina C, Vitamina E

Capperi: proprietà benefiche

In erboristeria viene utilizzata soltanto la scorza per via orale, per sfruttarne il suo contenuto di capparirutina, un glucoside con proprietà diuretiche ed antiartritiche.
La corteccia e la radice dell’arbustro sono una ricca fonte di quercetina, un flavonoide dalle proprietà antiossidanti, alleato dei vasi sanguigni.

Capperi: in cucina

I capperi hanno un sapore molto intenso. Una volta raccolti vengono conservati sott’olio, sott’aceto oppure sotto sale, per poi essere utilizzati per condire primi piatti, secondi, salse e condimenti.
I capperi più piccoli sono ritenuti più pregiati e solitamente vengono consumati interi, mentre quelli più grandi vengono utilizzati tritati per impreziosire salse e ripieni.
A livello di qualità, i migliori sono quelli conservati sotto sale anche se, prima di essere consumati, devono essere lavati per togliere l’eccessivo sapore salato e poi fatti riposare in acqua fredda per circa 15 minuti.
Di solito, quando si usano i capperi, non si aggiunge altro sale alle pietanze.

Sono stati inseriti tra i Piatti Agroalimentari Tradizionali italiani (PAT) della regione Sicilia.

Capperi: coltivazione

Il cappero è una pianta facile da coltivare in tutte le regioni mediterranee.
Si può sia seminare che impiantare per talee (che devono avere minimo 3 anni di vita).
La raccolta dei boccioli verdi, i capperi appunto, avviene tra fine maggio e inizio settembre (a seconda dell’altitudine), appena prima della fioritura.

* Le informazioni contenute in questo sito web sono a scopo informativo. In nessun caso possono sotituire la diagnosi di uno specialista o la prescrizione del medico. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo. N.B. I risultati possono variare da persona a persona e non sono garantiti. Il sito web non effettua una vendita diretta, fornisce solo i link alle pagine di acquisto dei prodotti descritti, tali pagine sono gestite da soggetti terzi.
* Il sito non raccoglie alcun dato personale degli utenti. Tutte le pagine ed i moduli collegati a questo sito web sono gestiti da soggetti terzi. Per maggiori informazioni consultare le informative privacy delle pagine di destinazione.

Annunci sponsorizzati