Fangoterapia e Cure termali: fango per migliorare la salute

Fangoterapia e Cure termali: fango per migliorare la salute

La Fangoterapia è un metodo molto utilizzato per prevenire e curare dolori a livello articolare. In questo articolo andremo ad analizzarne caratteristiche e principi fondamentali.

Termalismo e fangoterapia. Ediz. italiana e inglese
  • Nello Carraturo
  • Editore: G.MA. Servizi Editoriali
  • Edizione n. 2 (10/15/2017)

I vari tipi di fango

Il fango è un sedimento a grana fine, derivante dall’unione di acqua e argilla.

Per poterne sfruttare al massimo tutte e potenzialità, il fango inoltre viene fatto maturare, lasciandolo in acqua termale per almeno 6 mesi, in modo da dar assorbire all’argilla tutte le proprietà chimico-fisiche dell’acqua termale.

In base al tipo di acqua termale utilizzata, i fanghi vengono classificati in: sulfurei, clorurati, solforosi, salsoiodici, ferruginosi ed arsenicati.

Fangoterapia: cos’è?

La fangoterapia (detta anche cura termale) è una terapia termale, nella quale si utilizza fango termale maturo.

Il procedimento è il seguente:

  • Il fango viene applicato sulla pelle ad una temperatura tra i 37 °C e i 38 °C, per una durata di circa 20 minuti.
  • Passati i 20 minuti, dopo aver fatto una doccia calda, ci si immerge nel bagno termale alla temperatura di 37-38 °C per circa 10 minuti.
  • Infine, ci si asciuga con con panni caldi e si effettuano i massaggi.

Fangoterapia: le potenzialità

La fangoterapia è molto utilizzata in ambito medico per sfruttarne tre diversi tipi di potenzialità:

  1. Terapeutiche: disintossicazione dell’organismo
  2. Preventive: stimolazione e ossigenazione di sangue e tessuti, con conseguente sensazione di energia e vitalità
  3. Riabilitative: riminalizzazione del corpo con decontrazione dei muscoli, riparazione di tessuto osseo e cartilagineo

Inoltre può rappresentare un valido aiuto per il trattamento di malattie croniche riguardanti le ossa o in processi riabilitativi post-traumatici o postoperatori, oltre che per ritrovare uno stato di benessere psicofisico (dovuto soprattutto al contatto con elementi naturali come acqua e fango e alla stimolata produzione di ormoni ipofisari, che influiscono sugli equilibri bio-umorali e sessuali)

Fangoterapia: i benefici

Di seguito i principali benefici dovuti all’azione del fango sul nostro corpo

  • Azione analgesica: contro il dolore articolare e muscolare. Il calore dell’argilla e le sostanze rilasciate al nostro corpo stimolano la produzione di endorfine, un analgesico naturale.
  • Azione antinfiammatoria: lo stress termico, unito alle sostanze rilasciate dall’argilla, va a stimolare la produzione di cortisolo (“cortisone” naturale autoprodotto), sostanza dalle spiccate doti antinfiammatorie (utili per trattare e prevenire osteoporosi, artrite reumatoide, dolori reumatici e articolari, nevralgia) .
  • Benefici sul sistema immunitario: l’argilla rafforza la risposta immunitaria dell’organismo, aumentando la resistenza a vari tipi di infezioni.
  • Antietà: grazie al calore dell’argilla si ha una vasodilatazione del microcircolo, con conseguente maggiore quantità di ossigeno (trasportato dal sangue) che andrà ad incidere in maniera positiva sul metabolismo cellulare, rallentandone l’invecchiamento.
  • Ricostituzione delle cartilagini: recenti studi sembrano confermare un’influenza positiva della fangoterapia sulla ricostruzione di cartilagini rotte.
  • Azione disintossicante: aumentando il metabolismo cellulare il nostro corpo brucia più tossine. Inoltre l’aumentata sudorazione dovuta al caldo dell’argilla contribuisce anch’essa all’eliminazione delle sostanze nocive attraverso il sudore.
  • Benefici per la pelle: le particelle d’argilla agiscono come un peeling, causando una minima abrasione delle cellule morte dell’epidermide, donando lucentezza e predisponendo la pelle all’esposizione solare. I fanghi vengono utilizzati anche per il trattamento di inestetismi quali acne, punti neri, cellulite, smagliature o rughe
  • Benefici per i capelli: gli impacchi di fanghi sono indicati anche per il trattamento della forfora
  • Azione preventiva: la fangoterapia rappresenta una prevenzione efficace contro i dolori e le parologie osteo-articolare di ogni età.
  • Antistress: la fangoterapia viene utilizzata in sostituzione o in aiuto di farmaci antidepressivi o ansiolitici.

Per riuscire a potenzarne i benefici, ai fanghi vengono spesso aggiunti alcuni olii essenziali od altri estratti fitoterapici.

Bestseller No. 1
3 Teli Monouso Per Fangoterapia Doppio Strato In Tnt E Polietilene Cm 175 x 210 Medical Sud
  • Pensato per l'uso professionale in centri wellness e termali, ideale per i trattamenti estetici con alghe e...
  • Prodotto con materiale idrorepellente ed impermeabile per il trattamento di fangoterapia completa
  • Telo in doppio strato Tnt + polietilene, colore bianco. Dimensioni: cm.175 x 210. TFT.1353
Bestseller No. 2
Termalismo e fangoterapia. Ediz. italiana e inglese
  • Nello Carraturo
  • Editore: G.MA. Servizi Editoriali
  • Edizione n. 2 (10/15/2017)

Fangoterapia: controindicazioni

Pur non presentando particolari controindicazioni, gli impacchi con i fanghi sono sconsigliati a chi soffre di artropatie acute, epilessia, ulcere emorragiche e alle donne in gravidanza.

** Le notizie riportate in questa pagina sono informative e non sostituiscono in alcun modo l'opinione degli esperti. I risultati possono variare secondo le particolarità di ciascun organismo.

Annunci sponsorizzati