Il pompelmo, caratteristiche e benefici

Pompelmo, caratteristiche e benefici

Il pompelmo (nome scientifico, Citrus maxima o grandis) è una pianta appartenente alla famiglia delle Rutaceae, particolarmente importante per la sua azione antivirale, antibatterica e antifungina.

Pompelmo: caratteristiche

Il pompelmo è originario dell’Asia e della Malesia, cresce spontaneamente in riva ai fiumi, ed è coltivato nelle regioni asiatiche meridionali, in California e in Israele (soprattutto per la produzione di succhi di frutta). È un albero sempreverde con le foglie di colore verde scuro, dalla forma lunga e sottile.
Nel 1980 in Florida, il dottor Jacob Harich notò che i semi di pompelmo non si decomponevano. In seguito a questo fatto continuò le sue ricerche arrivando a dimostrare le sue importanti attività antibatteriche, antifungine e antivirali.

Pompelmo: proprietà

Come già detto il pompelmo presenta una forte proprietà antibatterica, antivirare e antifungina, dovuta ai flavonoidi, contenuti nei semi.
L’estratto è considerato un potente antibiotico naturale, con grado di tossicità pari a zero (non presenta effetti collaterali). funziona inibendo il metabolismo dei microrganismi che muoiono, per il conseguente scarso apporto nutritivo (efficaci contro 800 ceppi di batteri). Viene largamente utilizzato per trattare le affezioni delle vie respiratorie (tosse, otite, raffreddore, febbre e nel trattamento dell’herpes) e urologiche (cistite o disturbi della prostata).
Gli estratti inoltre vengono utilizzati per il trattamento dei disturbi del tratto gastro intestinale (azione antimicrobica e antiparassitaria), per curare soprattutto gli squilibri della flora batterica (soprattutto in caso di diarrea e dissenteria) e delle infezioni da funghi, compresa la candida (anzione antifungina).

Modalità d’uso

Le gocce dell’estratto sono già diluite in glicerina (mantenerne intatte le proprietà), per addolcirne il sapore si può aggiungere del succo di frutta.
La dose consigliata di estratto glicerico di semi di pompelmo è di 15 gocce disciolte in acqua per un massimo di 3 volte al giorno.

Controindicazioni del pompelmo

Il pompelmo può interagire con alcuni farmaci (ciclosporina e simvastatina) e per questo è sempre una buona scelta, in caso di contemporanei trattamenti medici, consultare il medico prima di assumere prodotti a base di pompelmo.

 

 

** Le notizie riportate in questa pagina sono informative e non sostituiscono in alcun modo l'opinione degli esperti. I risultati possono variare secondo le particolarità di ciascun organismo.

Annunci sponsorizzati