La melissa: caratteristiche, proprietà e benefici

Melissa: proprietà e benefici

La melissa (nome scientifico: Melissa officinalis) è una pianta erbacea, appartenente alla famiglia delle Labiateae. In questo articolo andremo ad analizzare le molte proprietà curative della melissa.

Melissa: caratteristiche

La melissa è un cespuglio che può raggiungere 1 metro di altezza, dalle foglie ovali e dentate. I fiori, a forma di calice, sono all’inizio di colore bianco sporco ma, dopo un po di tempo, sono ricoperti di sfumature di rosa chiaro.
È una pianta originaria dell’Europa meridionale e dell’Asia occidentale ma può essere coltivata ovunque.

Melissa: proprietà e benefici

Le proprietà benefiche della melissa derivano soprattutto dal suo olio essenziale (contenuto nelle foglie), dall’ aroma simile al limone.
Di seguito le varie applicazioni mediche della melissa:

  • Ansia: specialmente se i sintomi riguardano il sistema gastroenterico.
  • Azione antispasmodica, antinfiammatoria e calmante: molto utile per trattare casi di dolori mestruali, nevralgie, difficoltà nella digestione, nausea, gas intestinali, crampi addominali e colite.
  • Mal di testa da stress: grazie alla presenza dell’olio essenziale (0,5%) la melissa riesce a calmare il sistema nervoso e rilassare quello muscolare (molto utile in caso di irritabilità, insonnia, nervosismo e tachicardia).
  • Antivirale: soprattutto l’estratto di foglie secche, grazie alla presenza di acidi polifenolici e polisaccaridi (efficace contro l’Herpes simplex).

Melissa: come utilizzarla?

La melissa può essere utilizzata sia sotto forma di infuso che di tintura madre.
Andiamo a vedere le relative modalità.

Infuso di melissa

1 cucchiaio di foglie di melissa, 1 tazza d’acqua

Il procedimento è il seguente:

  • Portare ad ebolizione l’acqua
  • Versare le foglie
  • Spegnere il fuoco
  • Lasciare in infusione per circa 10 minuti
  • Filtrare il tutto

L’infuso di melissa è molto indicato per curare crampi addominali, colite, nervosismo e nevralgie e per facilitare la digestione. Ottimo anche come rilassante, prima di coricarsi.

Tintura madre di melissa

Il dosaggio indicato è di circa 20 gocce in mezzo bicchiere di acqua per un massimo di tre volte al giorno (l’ideale è appena dopo i pasti) oppure 30-40 gocce la sera, a mo di sonnifero e rilassante.

Melissa: controindicazioni

La melissa, assunta in dosi troppo elevate rispetto a quanto consigliato, può produrre l’effetto opposto a quello per il quale è famosa e trasformarsi cosi da calmante ad eccitante. Se ne sconsiglia l’utilizzo a chi è affetto da disturbi della tiroide, come l’ipotiroidismo.

Annunci sponsorizzati