I fagioli: proprietà e caratteristiche nutrizionali

fagioli

I fagioli sono i frutti della Phaseolus vulgaris, una pianta della famiglia delle leguminose, originaria dell’America centrale. Ne esistono diverse varietà che si differenziano tra di loro per colore e forma ma che hanno in comune la presenza di fasina, una proteina tossica che si distrugge durante la cottura.
In questo articolo andremo ad analizzare caratteristiche e proprietà dei fagioli.

Fagioli: caratteristiche nutrizionali

I fagioli hanno un apporto nutrizionale molto elevato, presentano una buona quantità di carboidrati e proteine. Minore è il contenuto di grassi a fronte di un elevato apporto di fibre alimentari (alleato delle funzioni intestinali). Da sottolineare anche la presenza significativa di vitamine del gruppo B.
Grazie al loro elevato apporto nutrizionale sono spesso paragonati a carne uova (molto utilizzati, a tale scopo, nelle diete vegetariane e vegane).
Riassumendo i fagioli (303 Kcal per 100 g) contengono:

  • Carboidrati
  • Proteine vegetali
  • Grassi
  • Acqua
  • Fibra alimentare
  • Sali minerali: specialmente fosforo, ferro, potassio, calcio
  • Vitamine: maggiormente vitamine A, B e C

Fagioli: proprietà

Di seguito le principali proprietà benefiche derivanti dal consumo di fagioli:

  • Sono molto nutrienti
  • Riducono il rischio di colesterolo: essendo ricchi di lecitina, (fosfolipide che stimola l’emulsione dei grassi), i fagioli fanno si che il grasso non si accumuli all’interno del sistema circolatorio, riducendo così il livello di colesterolo.
  • Alleati delle funzioni intestinali: questa proprietà è dovuta al loro alto contenuto di fibra alimentare.
  • Potere saziante: molto utilizzati per contrastare sovrappeso e dell’obesità, inquanto abbassano l’appetito e soprattutto riducono riducono l’assorbimento dei principi nutritivi.
  • Alleati del metabolismo: sempre grazie all’azione della fibra alimentare
  • Contrastano l’ipertensione
  • Abbassano il livello della glicemia

Fagioli: effetti collaterali

L’effetto collaterale più conosciuto legato al consumo di fagioli è sicuramente l’aumento di gas intestinali.
Molto importante è preparare i fagioli prima della cottura: si consiglia di tenerli per una nottata in acqua in modo da far rilasciare alcune sostanze lievemente tossiche in essi contenute (glucosidi cianogenetici), responsabili del lieve fastidio a livello intestinale, che può comparire dopo aver mangiato fagioli.

Annunci sponsorizzati