Cannabis light: proprietà, effetti e regole per la coltivazione

cannabis light

Da poco in Italia è stata approvata la normativa per la coltivazione e il consumo di cannabis light, in questo articolo andremo ad analizzarne le proprietà, gli effetti e le regole per la coltivazione.

La caratteristica principale di questo prodotto è l’assenza totale di psicoattività (per questo detta “l’erba che non sballa”) dovuta all’assenza (o alla presenza in percentuali non considerevoli) di THC (tetraidrocannabinolo), il principio attivo della cannabis, responsabile degli effetti psicotropi.

Cannabis light: effetti

Con il nome “cannabis light” vengono indicate le infiorescenze femminili di Canapa Light Sativa, molto ricche di CBD (cannabidiolo, rilassante) e molto povere di THC (il contenuto di THC è minore dello 0,2%), coltivate senza l’aggiunta di alcun additivo chimico, raccolte a mano ed essiccate naturalmente.
L’effetto prodotto dal consumo di cannabis light non è psicotropo ma solo estremamente rilassante e per questo la legge ne ha acconsentito l’utilizzo, la coltivazione e la successiva commercializzazione.

Le regole per la coltivazione

Di seguito le regole principali per chi vuole produrre, per uso personale o per scopi commerciali, la propria Cannabis Sativa.

  • Si possono coltivare le piante di canapa esclusivamente da seme certificato.
  • Il coltivatore deve conservare il cartellino della semente certificata e i documenti di acquisto (scontrino fiscale o fattura) per minimo 12 mesi dalla data di acquisto.
  • Se si hanno scorte di semi in magazzino bisogna conservare i documenti di acquisto fino alla loro permanenza.
  • Le piante ornamentali possono essere commercializzate senza autorizzazione.

Al seguente link è possibile prendere visione della circolare ministeriale ufficiale: Canapa: circolare sulle modalità di coltivazione e regole del florovivaismo ( 23.05.2018 )

Cannabis light, dove acquistarla

La cannabis light in Italia può essere acquistata negli oltre 300 rivenditori autorizzati (presenti in ogni regione e in continua crescita) oppure online sui siti delle aziende produttrici.
Acquistando online la spedizione sarà completamente priva di riferimenti al contenuto ma bisogna essere comunque maggiorenni per non incorrere in fastidi legali. Il costo cambia in base alla varietà di cannabis acquistata.
Si suggerisce di conservare la cannabis light in luogo fresco e asciutto, meglio se al al buio.

Cannabis light, controindicazioni e rischi

L’uso di cannabis light non presenta particolari controindicazioni se non quelle legate ai danni della combustione (se assunta sottoforma di sigarette). C’è da precisare comunque che, come per qualsiasi prodotto, la risposta può variare da persona a persona, anche in base alla modalità di assunzione.
Si consiglia di portare sempre con se lo scontrino e la confezione originale in modo da poter evitare spiacevoli fraindentimenti con le forze dell’ordine in caso di controlli.

Annunci sponsorizzati


1 Trackback / Pingback

  1. La canapa (e non solo) per tenere a bada il colesterolo: OMEGA Vegetal - Calcolo Peso Forma

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.