Gli agrumi: proprietà e caratteristiche

agrumi

L’agrume è una pianta facente parte della specie di Aurantioideae e si dividono in tre diversi generi: Citrus, Fortunella e Poncirus. Tutti gli agrumi che conosciamo fanno parte di uno di questi tre generi. Essi si sono evoluti nell’estremo oriente ma, dopo essere stati importati, gli agrumi sono riusciti a mettere le radici anche in occidente, avendo trovato un clima e un habitat a loro molto favorevole (clima mediterraneo): in Italia sono coltivati principalmente in Sicilia.

I tre generi di agrumi

  • Citrus: arancio, arancio amaro, limone, pompelmo, mandarino, pomelo, cedro, clementina, bergamotto, chinotto, combava e il lime (detto anche limetta).
  • Fortunella: sono gli agrumi che in Italia chiamiamo Mandarino Cinese o Kumquat. Di questo genere fanno parte anche altre piante erbacee che non tratteremo in questo articolo.
  • Poncirus: questo genere a cui appartiene solo l’arancio trifoliato, poco conosciuto in occidente.

Negli anni sono stati creati inoltre ibridi (incrociando più generi) senza riscuotere tuttavia un successo considerevole.

Gli agrumi: caratteristiche

Gli agrumi hanno bisogno di clima caldo (mai al di sotto dei 13 gradi) e umido e soprattutto senza troppi sbalzi termici che ne impedirebbero la maturazione. Contengono carotenoidi (i pigmenti responsabili del colore) e sono piante sempreverdi (tranne il Poncirus) e producono fiori (generalmente bianchi) dal profumo intenso. Il frutto degli agrumi non è altro che una modificazione di una bacca ed è formato da una buccia (a sua volta costituita da epicarpo, la parte colorata della buccia e mesocarpo, la parte spugnosa)e da una parte interna divisa in spicchi disposti intorno all’asse centrale del frutto. All’interno degli spicchi, oltre che al succo del frutto, sono contenuti i semi.
Gli oli essenziali degli agrumi sono molto utilizzati e conosciuti.

Gli agrumi: quali sono?

Di seguito le caratteristiche principali dei singoli agrumi:

Arancia

L’arancia è il frutto dell’arancio, originario della Cina ma diffuso attualmente in tutto il mondo. La pianta dell’arancio fruttifica di continuo (maggiormente tra agosto ad ottobre) e produce frutti rotondi, arancioni all’esterno e più chiari o più scuri all’interno (rispetto alla buccia) a seconda delle varietà. Le arance vengono mangiate come frutto o utilizzate per la preparazione di succhi e e bevande.

Limone

Il limone è un frutto con una forma che può essere sferica o ovale e dalla buccia ruvida e gialla; Vengono utilizzati sia come alimenti che come conservanti (i suoi principi attivi impediscono la proliferazione dei batteri). Il loro alto contenuto di vitamina C li rendono adatti alla cura di molte malattie.

Pompelmo

Il pompelmo (prodotto da alberi alti fino a 15 m) è la specie di agrumi più grande (fino a 15 cm di diametro), è caratterizzata dal tipico colore giallo tendente al verde e vengono utilizzati soprattutto per estrarne il succo. Anche il pompelmo ha molte proprietà terapeutiche, soprattutto per quanto riguarda la sua azione antibatterica ma deve essere preso con cautela in caso di trattamenti medici perchè funge da potenziatore degli effetti dei medicinali e, di conseguenza, anche di quelli collaterali.

Mandarino

Il mandarino viene consumato soprattutto come frutto fresco, grazie al suo sapore estremamente dolce, ma anche per produrre marmellate. L’albero del mandarino è di piccole dimensioni e può essere classificato come arbusto. Dall’incrocio del mandarino con l’arancio è stato creato il mandarancio, agrume molto conosciuto che ha caratteristiche intermedie tra le due specie.

Pomelo

Il pomelo è un agrume dalla forma sferica o schiacciata ed è il più grande in quanto a lunghezza tra tutti gli agrumi conosciuti (fino a 30 cm). Presenta un sapore amarognolo e d è molto ricco di Vitamina C.

Cedro

Il cedro è un frutto molto grande dalla colorazione che va dal verde al giallo, in cui la buccia, estremamente spessa e ruvida, costituisce circa il 70% dell’intera massa. Viene consumato fresco (azione digestiva), per estrarne il succo o per essere candito.

Clementina

Le clementine sono simili a mandarini ma dall’aroma meno intenso e dal colore più acceso. Ha la particolarità di non avere semi. Vengono utilizzate come frutto fresco o per l’estrazione del succo.

Bergamotto

Il bergamotto è un agrume utilizzato esclusivamente per scopi industriali, simile al limone in quanto a colorazione e al pompelmo in quanto a forma. Viene utilizzato per estrarne l’olio essenziale (cosi come la maggior parte degli agrumi), il succo e la polpa, da utilizzare successivamente come condimento di insalate o bevande. Le parti di scarto vengono trasformate in mangime per gli animali.

Chinotto

Conosciuto soprattutto grazie alla bevanda omonima (bevanda dal colore scuro simile alla cola) ma utilizzato anche per la produzione di sciroppi o marmellate.
L’albero è l’unico, tra gli agrumi, a non avere le spine.

Combava

La Combava è un agrume poco conosciuto, di piccole dimensioni, utilizzato soprattutto per condire le pietanze a base di pesce e come ingrediente per le salse (grazie al suo sapore profumato e piccante).

La limetta o Lime

Il Lime si presenta come un piccolo limone, dal sapore molto aspro, utilizzato principalmente per estrarne il succo ma anche in sostituzione del più famoso limone.

Fortunella

La fortunella, conosciuta come mandarino cinese, è un agrume molto piccolo (massimo 3 centimetri di diametro), consumato fresco e con tutta la buccia oppure utilizzato per la preparazione di marmellate.

Arancio trifogliato

L’Arancio Trifogliato è un frutto simile ad un’arancia, di piccole dimensioni (massimo 4 centimetri), molto profumati e amari, utilizzati principalmente per la produzione di marmellate.

Gli agrumi: proprietà nutrizionali

Gli agrumi, così come tutta la frutta, sono composti per la maggior parte da acqua e presentano un alta quantità di vitamine. Le proteine sono quasi pari a zero, così come i lipidi. La quantità di carboidrati aumenta proporzionalmente insieme alla dolcezza del frutto (presenza di fruttosio, lo zucchero della frutta). Anche la presenza di fibra è molto esigua in quanto è rilevabile solo nella buccia, che generalmente scartiamo.
Come si può notare la componente energetica di un agrume è quasi pari a zero ma la loro importanza è dovuta dall’apporto di oligoelementi molto importanti, primo tra tutti le vitamine (soprattutto C ma anche vitamina A e B9).

Catherine Phipps
EUR 30,00
EUR 4,50
Prezzo: EUR 25,50
Acquista su Amazon
Condividi l'articolo

* Le informazioni contenute in questo sito web sono a scopo informativo. In nessun caso possono sotituire la diagnosi di uno specialista o la prescrizione del medico. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.
N.B. I risultati possono variare da persona a persona e non sono garantiti.

 

Annunci sponsorizzati


3 Trackbacks / Pingbacks

  1. I denti gialli: cause e rimedi - Calcolo Peso Forma
  2. Il muesli: proprietà e caratteritiche, la ricetta originale - Calcolo Peso Forma
  3. 7 rimedi naturali per contrastare la caduta dei capelli - Calcolo Peso Forma

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*