Il sale: proprietà e benefici

sale

Il sale è un alimento fondamentale per la salute dell’uomo: esso infatti è il responsabile di moltissime funzioni fisiologiche vitali come, ad esempio, la trasmissione nervosa e la pressione. Analizziamo in maniera più dettagliata le sue caratteristiche.

Il sale: caratteristiche

Il sale è un composto chimico formato dall’unione di più ioni all’interno di un reticolo cristallino, uniti tra di loro per mezzo di un legame ionico. I sali possono presentarsi sotto molteplici forme e, a seconda della loro composizione chimica, presentano caratteristiche fisiche diverse: colore, odore, sapore e trasparenza.
I sali possono essere solubili o insolubili in acqua (esistono sali solubili in altri solventi): quello da cucina, solubile, è il cloruro di sodio (NaCl).

Il sale: le origini

Il sale può avere tre diversi tipi di provenienza:

  • Sale marino: prodotto nelle saline, facendo evaporare l’acqua di mare: l’acqua, una volta presa dal mare, viene messa nelle vasche di evaporazione e lasciata evaporare. Il sale che si ottiene alla fine del processo, prima di essere messo in commercio, subisce un processo di depurazione.
  • Sale minerale (salgemma): è un minerale reperibile in miniere sotterranee formate nei secoli. Viene estratto utilizzando cariche esplosive e poi portato in raffineria per la successiva depurazione.
  • Sale ricristallizzato (vacuum): ottenuto per mezzo della ricristallizzazione artificiale di salamoie sature ricavate da una miniera. Per prima cosa viene introdotta acqua dolce nei pozzi di alimentazione per far saturare il salgemma e, in un secondo tempo, all’interno di specifici laboratori, le salamoie sature vengono depurate e infine cristallizzate per ottenerne il cloruro di sodio.

Proprietà e benefici del sale

Il cloruro di sodio, chiamato comunemente sale da cucina, è un conduttore sia per quanto riguarda l’elettricità sia per quanto riguarda la trasmissione del sistema nervoso: trasmissione degli impulsi nervosi, lo scambio dei liquidi e la regolazione della pressione sono le tre proprietà principali del sale.
Il cloruro di sodio inoltre è contenuto nella maggior parte dei tessuti e dei fluidi degli esseri viventi e quindi risulta essere un elemento fondamentale per il mantenimento della vita sulla Terra.
Viene utilizzato anche esternamente per curare edemi, cellulite e per depurare i tessuti per mezzo di bagni e impacchi in grado di ridurre la ritenzione idrica e disintossicare la pelle.

Vari tipi di sale in commercio

Esistono molti tipi di sale reperibili nei negozi. Qui di seguito analizziamo le caratteristiche delle varietà di sale più famose.

Sale Rosa dell’Himalaya

Dal colore rosa grazie alla presenza di ferro, è un sale marino fossile e viene raccolto a mano nelle miniere di Khewra, in Pakistan. Dopo essere stato raccolto viene macinato a pietra e non è sottoposto a nessun processo di raffinazione. Il sapore è delicato e viene utilizzato sia in cucina (soprattutto su pesce e verdure) sia per la cura del corpo (in particolare per contrastare la cellulite o per le inalazioni per trattare le problematiche del sistema respiratorio).

Sale Vichingo Affumicato di Norvegia

Sale dal sapore forte, ricavato da una miscela di sale affumicato e pepe nero. L’affumicazione viene fatta per mezzo del legno dei pini nordici. Viene utilizzato in cucina, soprattutto per condire le pietanze stufate.

Sale nero dell’isola di Molokai

Utilizzato per condire qualsiasi pietanza, è un sale ricco di minerali e dalle importanti proprietà depurative. Viene lavorato artigianalmente nelle isole Hawaii. Il sapore è amaro e il colore è nero (dovuto all’affumicazione).

Sale della Camargue

Detto anche Fior di sale, è un sale grezzo e molto pregiato, prodotto nel sud della Francia. Presenta un colore è bianco opaco e un odore molto aromatico (caratteristica che lo fa essere uno dei sali più apprezzati nel mondo per quanto riguarda la cucina). In Italia ci sono sali con caratteristiche simili come, per esempio, il sale di Cervia e il sale di Trapani.

Sale Rosso delle Hawaii

Usato per decorare i piatti grazie al suo colore caratteristico (causato dall’argilla con la quale è stato a contatto), presenta un sapore che ricorda il gusto di nocciola. Il suo contenuto di ferro è 5 volte maggiore a quello del normale sale bianco da cucina.

Il sale in cucina

Il sale viene usato oramai da secoli per conservare i cibi (carne, pesce e spezie), per condirli e per cuocerli (per esempio gli insaccati o il prosciutto). Negli ultimi anni il sale ha assunto anche la funzione di esaltatore di sapidità degli alimenti.

Condividi l'articolo

* Le informazioni contenute in questo sito web sono a scopo informativo. In nessun caso possono sotituire la diagnosi di uno specialista o la prescrizione del medico. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.
N.B. I risultati possono variare da persona a persona e non sono garantiti.

 

Annunci sponsorizzati


Scrivi tu il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*