Il fitness: caratteristiche e benefici

Fitness è una parola inglese che può essere tradotta in italiano come “buona salute” (dizionario Garzelli) e tecnicamente può essere definito come l’insieme di caratteristiche psico-fisiche necessarie per far sì che l’individuo presenti uno stato di forma fisica e mentale ottimale. L’origine della parola è sconosciuta e molti addetti ai lavori fanno a gara per attribuirsene la paternità.

Caratteristiche del fitness

Negli anni la parola fitness ha assunto un significato che può essere riferito a due tipi di caratteristiche specifiche.

Caratteristiche psico-fisiche:

  • Peso corporeo ottimale
  • Composizione corporea equilibrata (massa grassa e massa magra)
  • Alimentazione sana e equilibrata
  • Assenza di fumo
  • Assenza di alcol
  • Assenza di droghe
  • Non abusare di medicinali
  • Esami medici regolari
  • Stress controllato
  • Sistema cardio-respiratorio in buone condizioni
  • Assenza di patologie importanti

Caratteristiche pratiche:

  • Forza
  • Velocità
  • Resistenza
  • Coordinazione
  • Mobilità articolare
  • Equilibrio

Tutti gli elementi sopraindicati sono importanti e necessari al fine del raggiungimento e al mantenimento di un livello di salute ottimale: fare fitness significa praticare con costanza una serie di esercizi fisici (sia a corpo libero sia mediante l’utilizzo di attrezzi) ed avere uno stile di vita sano ed equilibrato.

Il fitness: chi deve praticarlo?

Il fitness è indicato per qualsiasi età e bisogna soltanto far caso ad alcuni accorgimenti legati alla propria condizione di vita.

Persone sedentarie

Qualunque persona che, per svariate cause, pratica una vita statica: in questo caso il passaggio dal non-fare al fare fitness rappresenta già un ottimo passo in avanti verso la propria salute ottimale. L’unico svantaggio, per quanto riguarda i sedentari, è la difficoltà iniziale ma basterà diventare costanti nel muoversi per poter dire di aver raggiunto l’obbiettivo.

Sportivi

Queste persone già presentano mediamente uno stato di salute ottimale (derivante dagli allenamenti) e, in questo specifico caso, il fitness può essere di grande aiuto per migliorare e ottimizzare le sedute di allenamento e le prestazioni in generale.

Giovani

I giovani possono praticare fitness con livelli di allenamento non esageratamente impegnativi, in modo da dare l’opportunità al fisico di abituarsi progressivamente allo sforzo fisico. Esagerare solamente perchè si è giovani e vigorosi è controproducente e porta man mano alla perdita della voglia di allenarsi.

Anziani

Le persone anziane possono guardare al fitness come ad un metodo per trarre tutta una serie di benefici a livello fisico in modo da rallentare i naturali processi di invecchiamento e apportare miglioramenti sullo stato dell’umore, grazie soprattutto alla socializzazione.

Persone non in salute

Le persone che non presentano uno stato di salute ottimale (asmatici, diabetici, ipertesi, osteoporotici, cardiopatici, depressi) dovrebbero con urgenza iniziare a praticare fitness (sia pure con intensità diversa dal normale), in quanto migliorerebbe di molto il loro umore e di conseguenza la loro energia vitale.

Per chiunque volesse approfondire l’argomento consigliamo la lettura del seguente libro:

AA.VV. and FITNESS
EUR 14,50
EUR 8,50
Prezzo: EUR 6,00
Acquista su Amazon
Condividi l'articolo

* Le informazioni contenute in questo sito web sono a scopo informativo. In nessun caso possono sotituire la diagnosi di uno specialista o la prescrizione del medico. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni sono da considerarsi di tipo culturale e informativo.
N.B. I risultati possono variare da persona a persona e non sono garantiti.

 

Annunci sponsorizzati


Scrivi tu il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*