Aglio: proprietà, benefici e utilizzi

L'aglio

L’aglio (Allium sativum) appartiene alla famiglia delle Aliaceae, vegetali che nella maggior parte dei casi presentano un bulbo (breve fusto modificato). L’aglio è apprezzato e utilizzato da molti secoli sia per il suo aroma molto intenso e particolare che per le sue spiccate proprietà terapeutiche.

Composizione chimica dell’aglio

Il bulbo dell’aglio contiene circa 400 differenti sostanze terapeutiche per quanto riguarda il corpo umano tra cui l’allicina, una sostanza con fortissime proprietà antibatteriche, antibiotiche e antisettiche.
Nello specifico le principali sostanze contenute nell’aglio sono:

  • Acqua;
  • Proteine;
  • Grassi;
  • Zuccheri;
  • Ceneri;
  • Fibra;
  • Minerali: Sodio, Calcio, Fosforo, Potassio, Ferro, Magnesio, Zinco, Rame, Manganese e Selenio;
  • Vitamine: del gruppo B (B1, B2, B3, B5 e B6), C , E, K e J
  • Beta-carotene
  • Luteina
  • Zeaxantina.
  • Aminoacidi: acido aspartico e glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, fenilalanina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, metionina, serina, tirosina, triptofano, valina e treonina.
  • Allicina

Proprietà dell’aglio

100 grammi di aglio hanno un apporto calorico pari a 41 calorie.  L’aglio ha moltissime proprietà terapeutiche e nello specifico:

  • Battericida ed antiossidante: uccide i microbi e i batteri e ne impedisce la proliferazione. È inoltre uno degli antiossidanti naturali più potenti e la sua azione contro i radicali liberi è molto significativa.
  • Antibiotico: grazie al suo contenuto di allicina risulta uno degli antibiotici naturali più forti.
  • Aiuta il cuore: per mezzo delle sue proprietà tonificanti ed equilibranti rinforza il tono muscolare del cuore rendendo di conseguenza maggiormente fluido il sangue. Inoltre pulisce le arterie prevenendo l’accumulo di colesterolo e l’insorgenza di malattie cardiovascolari.
  • Aiuta la digestione: l’aglio stimola la digestione e si dimostra un alleato molto valido per sconfiggere i fastidiosi e pericolosi parassiti intestinali.
  • Ha un’azione antitumorale: secondo recenti studi condotti in Cina e negli USA l’aglio è in grado in grado di ritardare o addirittura invertire il processo di cancerosi umana. I risultati di questi esperimenti sono stati presentati al simposio internazionale sulle Nuove frontiere in ematologia e oncologia.
  • Rafforza il Sistema Immunitario: l’aglio, essendo un antibiotico naturale, si dimostra un valido alleato del nostro sistema immunitario.
  • Alzheimer e demenza senile: l’aglio contrasta i radicali liberi e rallenta così sia le malattie legate all’età sia il processo di invecchiamento generale del nostro organismo.
  • Cura il mal di denti: basta appoggiare l’aglio schiacciato sulla parte dolorante. Utile soprattutto per il dolore causato da carie.
  • Migliora le prestazioni atletiche: in quanto riduce il senso di stanchezza, non esistono ancora studi ufficiali che provino la veridicità di questa proprietà ma la cultura popolare lo usa da millenni a tale scopo (gli atleti dell’antica Grecia e gli antichi soldati romani ne facevano largo uso)
  • Migliora la salute delle ossa: anche in questo caso non esistono prove scientifiche ma bisogna accontentarsi di credere alla cultura popolare che definisce l’aglio come un ottimo rimedio per contrastare l’osteoporosi.

L’aglio nell’alimentazione

Per sfruttare al massimo le proprietà benefiche dell’aglio si consiglia di consumarlo crudo (per contrastare l’alitosi conseguente basta masticare per bene un paio chicchi di caffè torrefatto).

In cucina viene utilizzato spremuto o tritato, sia crudo che cotto. I suoi usi sono davvero innumerevoli e dipendono soprattutto dal gusto e dalla fantasia di chi lo utilizza.

Controindicazioni dell’aglio

Dosi eccessive di aglio possono portare spiacevoli fastidi come nausea e vomito.

Ne è sconsigliato l’utilizzo nelle persone che soffrono di problemi intestinali come gastrite ed ulcera. È sconsigliato inoltre in contemporanea a terapie a base di farmaci vasodilatatori ma comunque c’è da dire che, in caso di assunzione di farmaci, è sempre meglio consultare il proprio medico di fiducia.

Non deve essere preso dalle donne in gravidanza per non alterare il sapore e la composizione chimica del latte materno. Infine non va utilizzato ovviamente in caso di allergie specifiche.

Annunci sponsorizzati